giovedì 16 dicembre 2010

mi forzo l'insonnia perché adesso odio i risvegli.
dormo tre ore e mi sveglio ubriaca.
di freddo.
sono un lombrico d'inverno.
voglio stare sotto terra.
non parlare più.
non spiegarmi più.

mi cerco negli elenchi, nei cataloghi, nelle raccolte di figurine panini.
bambola di carta, l'angolino bianco da piegare per appendere il vestito si rompre sempre.
a me si rompeva sempre e il vestito appeso storto.

il quadrato sta scomodo dentro il cerchio, con tutti quegli spazi tra la linea retta e quella curva.
ma come cerchio sarei un brutto quadrato.

tu mi vedi?

8 commenti:

  1. Bello imbattersi in un blog così.

    A chi chiedi se ti vede?
    A chi passa di qui?
    Bello affidarsi allo sguardo altrui, noncuranti dell'invidia per la nostra sincerità insofferente.
    Non so quanto io ti veda, poco presumo, perchè c'è tanto da vedere sotto l'oceano.

    Tornerò con piacere qui.

    Un gabbiano

    RispondiElimina
  2. allo specchio, a volte.

    RispondiElimina
  3. specchio deformante delle mie brame

    RispondiElimina
  4. sì, peccato.
    ma bastano i vostri occhi

    RispondiElimina