lunedì 17 gennaio 2011

c'è un uomo che mi guarda e come me guarda altre puttane.
sono una puttana anche io.
siamo puttane perché ci vede puttane.
stiamo sui trespoli, con le gambe aperte e la figa in vista.

lui passa, posa la mano su una figa, la copre, la protegge, la fa sua.

io vorrei essere l'unica figa che copre ma la sua mano non si ferma.
ne sento appena il calore mentre passa.
io resto lì, le gambe aperte, qualche pelo grigio, un vuoto davanti a un vuoto.

io vorrei essere l'unica puttana che sceglie perché non conosco la solidarietà femminile e lui ci ha reso tutte puttane.

io vorrei essere l'unica, ma sono una figa vecchia in un harem in rinnovamento continuo.

5 commenti:

  1. fammelo conoscere

    RispondiElimina
  2. idrovora, l'uomo che non mi vuole è solo mio

    RispondiElimina
  3. È una questione di scelta, l'importante è rendersene conto....E' un post molto interessante mi piace. La consapevolezza rende forti.Saluti.

    RispondiElimina