giovedì 14 aprile 2011

rassegnarmi alla mia mediocrità
non stare in mezzo
non andare
non fare nulla
non ho imparato ed è tardi
è tutto distante,
annegare adesso nel gorgo
irraggiungibili margini oltre i quali


affogare adesso
con un topo in gola
e la figa in fiamme
tronco senza braccia né gambe

6 commenti:

  1. e poi ti accorgi che non si muore di questo, se si hanno occhi.

    RispondiElimina
  2. qualcosa deve morire

    RispondiElimina
  3. Quando si sa di non aver imparato, si sa abbastanza per vivere senza costrizioni culturali e pregiudizi di sorta.
    Qualcosa deve nascere...

    RispondiElimina
  4. rizapsicomatica batte rizla psicotropa

    RispondiElimina
  5. mediocri si nasce, credo, e tu modestamente non lo nacqui, e quindi sono dispiaciuto per te; ed anche per la il topo in gola e per la topa in fiamme

    RispondiElimina